TRAVEL Viaggi

 

 

TRAVEL JOURNAL diario di viaggio...


MAROCCO - TAFRAOUT
La Mecca dell'arrampicata "trade"

maggio 2014

L’itinerario: Marrakech - Tafraout

Arrivati a Marrakech, dopo una breve puntata nella valle degli Ait Bougmez (200 km a est), selvaggia e fuori dalle rotte turistiche, per visitare alcune famiglie di pastori che avevamo fotografato anni prima, puntiamo a sud.
La nostra meta è Tafraout, la mecca dell'arrampicata "trade", dove ci troviamo con un guppo di climber romani e non solo. La cittadina si trova ai limiti meridionali dell'Atlante, al confine col deserto, e funziona da campo base con i suoi piccoli hotel e ristoranti molto economici.
Universo di quarzite imprevedibile, spesso fragile, ma in alcuni casi sorprendentemente compatta, con un'isola di blocchi di granito che sembra un giardino zen, a pochi passi dall'oasi. L'intera area, che comprende montagne anche di 1000 metri di dislivello, è stata scoperta e valorizzata da climber anglosassoni, i quali hanno scritto pagine e pagine di relazioni di ascensioni che in realtà sono solo un suggerimento, perché qui, la filosofia, è quella di non lasciare alcuna traccia di passaggio.

Dunque niente spit, soste attrezzate,cordini abbandonati. Si arriva alla base della parete - e non è sempre facile arrivarci - e si sceglie la propria linea di salita. Ognuno interpreta a modo suo e non si è mai certi di aver seguito la linea di ascensione descritta nella guida. Uniche indicazioni, gli ometti di pietra che mostrano la via di discesa, spesso complessa. Insomma, avventura pura! ...in un paesaggio forte, selvaggio, arancione al tramonto.

Libri e Guide
Tafraout volume 1 (the South Side of Jebel el Kest and the Ameln Valley) e volume 2 (the North Side of Jebel el Kest and Jebel Taskra), realizzati dall'Oxford Climbing Club

Link utili
www.climb-tafraout.com